Insider Trading Cases Back on the Rise . . . With a Twist | Arnall Golden Gregory LLP

Discorso a cuscino da un apprendista agente dell’FBI. Un ex membro del Congresso è diventato consulente commerciale sulle informazioni sulla fusione apprese sul lavoro. Un ex banchiere di investimento della Goldman Sachs si è appropriato indebitamente di informazioni sugli accordi che la banca stava considerando di finanziare. L’ex co-presidente del Disclosure Committee di Apple acquista e vende le azioni della sua azienda sulla base di informazioni privilegiate. Queste recenti accuse indicano una rinnovata attenzione su una delle frodi federali più basilari: il furto di informazioni riservate e il loro utilizzo per fare soldi sul mercato azionario. Oltre a questi recenti casi tradizionali, tuttavia, il governo ha anche perseguito casi di insider trading che coinvolgono risorse digitali e criptovaluta, un’ulteriore prova che il Dipartimento di Giustizia (“DOJ”) sta dando la priorità ai casi di insider trading.

Recenti casi di appropriazione indebita e ribaltamento di insider trading

Stati Uniti d’America contro Seth Markin e Brandon Wong

Seth Markin era un apprendista agente dell’FBI. La sua ragazza era un avvocato di un importante studio legale a Washington, DC, incaricato di lavorare all’acquisizione di Pandion Therapeutics da parte di Merck & Co. Si presume che Markin abbia esaminato segretamente i documenti di lavoro riservati della sua ragazza, senza il suo permesso, e abbia appreso che Merck stava per acquisire Pandion. Markin ha quindi acquistato azioni in Pandion e ha informato il suo amico Brandon Wong, che lo ha detto ad altre persone. Secondo il governo, Markin e Wong hanno causato direttamente o indirettamente più di 20 persone a commerciare in azioni Pandion sulla base delle informazioni materiali non pubbliche che Markin si è appropriato indebitamente della sua ragazza, risultando in milioni di dollari di profitti commerciali ottenuti illegalmente.

Stati Uniti d’America contro Stephen Buyer

Stephen Buyer era un ex membro del Congresso degli Stati Uniti dell’Indiana, che ha servito nove mandati al Congresso dal 1993 al 2011. Si presume che si sia impegnato in due schemi di insider trading separati ma interconnessi per rubare informazioni materiali non pubbliche che ha ottenuto attraverso il lavoro di consulenza, e poi utilizzato per fare scambi di titoli con un profitto di quasi $ 350.000. L’acquirente ha lavorato come consulente esterno per T-Mobile ed è stato incaricato di lavorare alla fusione di T-Mobile con Sprint. Prima dell’annuncio dell’accordo, l’acquirente ha acquistato azioni di Sprint su diversi conti di intermediazione, inclusi i propri conti, un conto intestato a suo cugino e un conto intestato a un caro amico personale. Dopo l’annuncio della fusione, ha venduto le azioni con un grande profitto.

In uno schema separato, l’acquirente avrebbe appreso che la società di consulenza per cui lavorava avrebbe acquistato Navigant Consulting, Inc., un’altra società di consulenza. Prima di tale accordo, ha acquistato azioni di Navigant, sempre utilizzando i propri conti, un conto intestato a suo cugino e un conto intestato a un caro amico personale.

Stati Uniti d’America contro Amit Bhardwaj, Srinivasa Kakkera e Abbas Saeedi

Amit Bhardwaj era il responsabile della sicurezza delle informazioni di Lumentum Holdings Inc. In questo ruolo, aveva informazioni riservate riservate che Lumentum stava considerando l’acquisizione di due società, Coherent, Inc. e Neophotonics Coproration. Bhardwaj avrebbe utilizzato le sue informazioni privilegiate per acquistare azioni di Coherent e ha anche informato amici e un membro della famiglia che hanno acquistato azioni di Coherent. Hanno guadagnato collettivamente per un importo di quasi $ 900.000. In un altro presunto schema, Bhardwaj ha appreso che Lumentum era impegnato in discussioni riservate con Neophotonics su una potenziale acquisizione. Bhardwaj avrebbe fornito queste informazioni materiali e non pubbliche a due coimputati e un altro individuo che ha poi scambiato titoli Neophotonic. Di conseguenza, hanno realizzato collettivamente oltre $ 4,3 milioni di guadagni realizzati e non realizzati, con uno degli individui che ha accettato di dividere i suoi profitti equamente con Bhardwaj.

Stati Uniti d’America contro Brijesh Goel

Brijesh Goel era un banchiere di investimento nel gruppo finanziario di Goldman Sachs. In tale posizione, avrebbe ricevuto e-mail interne riservate dirette al Firmwide Capital Committee della banca d’investimento, che contenevano informazioni dettagliate e analisi di potenziali operazioni di fusioni e acquisizioni che la banca d’investimento stava considerando di finanziare. In violazione dei doveri che doveva nei confronti della banca d’investimento, si sarebbe appropriato indebitamente di tali informazioni riservate e avrebbe informato un amico, presumibilmente durante le partite di squash, i nomi di potenziali società bersaglio. L’altra persona avrebbe quindi utilizzato le informazioni sostanziali non pubbliche per negoziare opzioni call, comprese opzioni call out-of-the-money a breve scadenza, in conti di intermediazione intestati al fratello di quell’individuo. Goel e l’amico hanno deciso di dividere i profitti del loro trading e presumibilmente hanno guadagnato circa $ 280.000.

Stati Uniti d’America contro George Haywood

Il 26 luglio 2022, George Haywood si è dichiarato colpevole di un conteggio di insider trading. Haywood era un professionista dei servizi finanziari che gestiva gli investimenti di familiari e amici. In precedenza aveva investito in Neurotrope, una società biofarmaceutica in fase clinica, che ha annunciato il 22 gennaio 2020 di aver ricevuto una sovvenzione multimilionaria dal National Institute of Health a seguito di studi clinici positivi per un medicinale per il trattamento dell’Alzheimer. Lo stesso giorno, Haywood ha parlato con un rappresentante di Neurotrope che si è offerto di condividere con lui informazioni sostanziali non pubbliche a condizione che non eseguisse o tenti di eseguire scambi di azioni con tali informazioni. Haywood ha accettato la condizione e gli è stato detto che Neurotrope avrebbe emesso un’offerta diretta registrata di azioni più tardi quel giorno. Haywood ha immediatamente venduto più di 100.000 azioni ed ha evitato una perdita di circa $ 180.000 quando il titolo è sceso di quasi il 50% dopo l’annuncio dell’offerta.

Stati Uniti d’America contro Gene Levoff

Il 30 giugno 2022, Gene Levoff si è dichiarato colpevole di sei capi di imputazione per frode sui titoli. Levoff è stato il principale avvocato aziendale di Apple e co-presidente dell’Apple’s Disclosure Committee, che esamina i documenti SEC della società prima che vengano divulgati pubblicamente. Levoff ha esaminato questi materiali per guidare le sue decisioni su quando acquistare e vendere azioni Apple prima degli annunci sugli utili della società. Quando Apple ha registrato forti entrate e utili netti per un determinato trimestre finanziario, Levoff ha acquistato azioni Apple e poi le ha vendute per un profitto quando i guadagni sono diventati pubblici. Allo stesso modo, quando Apple ha ridotto le entrate previste per un trimestre, ha venduto le sue azioni per evitare perdite quando la notizia è diventata pubblica e il prezzo delle azioni è sceso. Inoltre, Levoff ha ignorato i regolari “periodi di blackout”, che vietavano ai dipendenti di vendere azioni della società fino a un certo periodo dopo che la società aveva divulgato pubblicamente i propri guadagni. Ha anche ignorato la “Politica sull’insider trading” della società, che era responsabile dell’applicazione, quando faceva trading sulla base di informazioni rilevanti non pubbliche. Come risultato di questa attività illegale, Levoff ha realizzato profitti per circa $ 277.000 ed ha evitato perdite per circa $ 377.000.

Casi di insider trading di asset digitali e criptovalute

Stati Uniti d’America contro Nathaniel Chastain

Il 1 giugno 2022, il DOJ ha aperto un atto d’accusa contro Nathaniel Chastain, accusandolo di frode telematica e riciclaggio di denaro in relazione a un presunto schema per commettere insider trading di token non fungibili. (“NFT”). Chastain è stato product manager presso Ozone Networks d/b/a Open Sea, il più grande mercato online per l’acquisto e la vendita di NFT. Come parte del suo lavoro, era responsabile della selezione degli NFT da inserire nella homepage di OpenSea. Queste informazioni sono state mantenute riservate fino a quando non sono apparse sulla home page. Quando un NFT veniva presentato sulla homepage di OpenSea, il prezzo che gli acquirenti erano disposti a pagare per quell’NFT e altri prodotti dallo stesso creatore di NFT, in genere aumentavano notevolmente. Si presume che Chastain abbia utilizzato queste informazioni commerciali riservate su quali NFT dovevano essere presenti sulla home page di OpenSea per acquistarli segretamente prima che fossero presentati. Dopo che erano stati pubblicati sulla homepage di OpenSea, li avrebbe venduti con profitti da due a cinque volte quelli che li aveva pagati.

Stati Uniti d’America contro Ishan Wahi, Nikhil Wahi e Sameer Ramani

Il 21 luglio 2022, il DOJ ha annunciato quello che ha definito il “primo schema di tipping di insider trading di criptovaluta in assoluto”. Ishan Wahi, Nikhil Wahi e Sameer Ramani sono stati accusati di cospirazione per frode telematica e frode telematica in relazione a uno schema per commettere insider trading in asset di criptovaluta utilizzando informazioni riservate di Coinbase su quali token dovevano essere elencati negli scambi di Coinbase. Coinbase è uno dei più grandi scambi di criptovalute al mondo. Periodicamente, Coinbase aggiungeva nuove risorse crittografiche a quelle che potevano essere scambiate attraverso il suo scambio e il valore di mercato delle risorse crittografiche in genere aumentava in modo significativo dopo che Coinbase aveva annunciato che avrebbe elencato una particolare risorsa crittografica o token. Di conseguenza, Coinbase ha mantenuto tali informazioni strettamente riservate e ha proibito ai suoi dipendenti di condividere tali informazioni con altri, anche fornendo un “suggerimento” a qualsiasi persona che potesse fare trading sulla base di tali informazioni. Ishan Wahi ha lavorato in Coinbase come product manager assegnato a un team di asset list di Coinbase. In quel ruolo, è stato coinvolto nel processo altamente confidenziale di quotazione delle criptovalute sugli scambi di Coinbase e aveva una conoscenza dettagliata e avanzata di quali criptovalute Coinbase stava pianificando di elencare e la tempistica degli annunci pubblici su tali quotazioni di criptovalute.

L’accusa sostiene che in più occasioni Ishan Wahi ha informato suo fratello Nikhil Wahi o il suo amico Sameer Ramani sui piani di Coinbase di elencare particolari asset crittografici e sui tempi degli annunci pubblici di Coinbase di tali elenchi di asset. Nikhil Wahi e Sameer Ramani hanno quindi effettuato scambi redditizi in tali risorse crittografiche prima degli annunci di quotazione pubblica di Coinbase. L’accusa sostiene che gli imputati hanno generato collettivamente guadagni realizzati e non realizzati per un totale di almeno circa $ 1,5 milioni da questo schema.

Takeaway da questi casi

Questi casi recenti rivelano sia il vecchio che il nuovo per quanto riguarda i casi di insider trading. I tradizionali casi di insider trading sono di nuovo al centro del governo. Questi casi seguono temi comuni:

  • Una persona viene a conoscenza di imminenti fusioni da un caro amico o parente.
  • Un consulente opera sulla base delle informazioni apprese nell’ambito di un incarico di consulenza.
  • I dirigenti dell’azienda, che vengono a conoscenza di informazioni sostanziali non pubbliche, fanno scambi di azioni o danno la mancia ad amici o familiari sulla base di tali informazioni.

Come mostrano questi casi recenti, non esiste una persona stereotipata che si dedica all’insider trading. In genere non si sospetta che un agente dell’FBI in formazione, un ex membro del Congresso o il capo del comitato di divulgazione di una società pubblica siano accusati di insider trading. Ma è successo ed è un forte promemoria per le aziende di rivedere e rinnovare la formazione dei dipendenti sull’uso e la gestione appropriati delle informazioni di conferma. È importante sapere che, anche se non hai rubato personalmente o ti sei appropriato indebitamente di informazioni non pubbliche rilevanti, puoi comunque essere ritenuto responsabile se sapessi che sono state sottratte indebitamente. E, anche se non hai scambiato personalmente le informazioni rubate, se te ne sei appropriato indebitamente e le hai date a qualcuno, potresti comunque essere responsabile.

Forse più interessanti sono le incriminazioni del Dipartimento di Giustizia nei casi di asset digitali e criptovalute. Questi sembrano segnalare una maggiore applicazione nel mondo delle risorse digitali e delle criptovalute. In particolare, sia nel caso OpenSea NFT che nel caso della criptovaluta Coinbase, il DOJ ha addebitato una frode telematica rispetto a una tradizionale commissione di insider trading di titoli. Mentre un reclamo SEC parallelo nella questione Coinbase si riferisce specificamente ai token coinvolti come “titoli di criptovalute”, l’accusa del DOJ non menziona la parola “titoli”. Ciò solleva una questione importante che dovrà essere affrontata. Sebbene la SEC si riferisse ai token come titoli, è ancora un’area di legge non definita se debbano essere trattati come titoli. Questo potrebbe essere il motivo per cui il DOJ si è invece affidato allo statuto di frode telematica e non si è riferito ai token come “titoli”. In ogni caso, questi casi evidenziano ulteriormente la questione se le criptovalute costituiscano titoli e debbano essere monitorate da persone attive nei mercati delle criptovalute.

Leave a Comment