The Rings of Power’ Episode 1 and 2 Recap

In Compagnia dell’Anello, Bilbo Baggins si chiede ad alta voce: “Le avventure non hanno mai una fine? Credo di no. Qualcun altro deve sempre portare avanti la storia”.

Bilbo potrebbe quasi descrivere Gli anelli del potere, un eccezionale esempio di come le storie potrebbero vivere senza i loro architetti originali. Nelle sue robuste appendici a Il Signore degli AnelliJRR Tolkien ha abbozzato una cronologia dettagliata della Seconda Era della Terra di Mezzo, ambientata migliaia di anni prima Il Signore degli Anelli. Il racconto di eventi di Tolkien è ampio, ma non è vissuto; manca della ricchezza romanzesca del suo nucleo legendarium, svolgendosi invece come una litania di battaglie, successioni e riflessioni genealogiche. Questo è esattamente dove Anelli di potere entra allegramente nel quadro, “maneggiando pittura, musica e teatro”, come potrebbe fare lo stesso Tolkien dire.

Gli showrunner JD Payne e Patrick McKay hanno innestato più tessuto connettivo sull’impalcatura di Tolkien, ombreggiando i pensieri, i sentimenti e le scelte che spingono questi personaggi a ogni punto predeterminato della trama. La loro interpretazione della Seconda Era è decisamente elettrizzante, respira una ricca caratterizzazione, una tensione da sudorazione delle mani e mescola un peso tematico nello scarso materiale di partenza. Laddove altri franchise si tengono in ostaggio a Canon, Anelli di potere lo espande senza disonorare la sandbox di Tolkien. Sappiamo dove stanno andando questi personaggi, ma i loro viaggi sono tanto più significativi per questa comprensione più ricca di dove sono stati.

Molto inchiostro è stato versato su come Anelli di potere è il programma televisivo più costoso di tutti i tempi, con Prime Video destinato a spendere l’incredibile cifra di 1 miliardo di dollari durante le sue cinque stagioni confermate. Ogni ultimo centesimo di quell’investimento si mostra nel sontuoso linguaggio visivo della serie, da panorami mozzafiato a creature meravigliosamente (o raccapriccianti). Ma quell’investimento si riflette anche nell’amore per la tradizione, fino all’elaborazione della sceneggiatura nanica su un’ascia o ai minuti dettagli elfici nella corazza di un personaggio. Sopra ogni altra cosa, Anelli di potere Appena sente come Tolkien dovrebbe: mitico, sincero, ampio, eterno. Per i neofiti, è un portale verso un legendarium che cambia la vita, mentre per i Tolkienhead è come tornare a casa.

Ora che i primi due episodi sono andati in onda, stiamo analizzando ciò che abbiamo visto finora, incluso ciò che abbiamo amato, ciò che ci ha fatto puntare eccitati verso lo schermo e ciò su cui ci stiamo ancora grattando la testa.

E gli anelli del potere vanno a…

Galadriel

L’indiscusso protagonista di questi primi due episodi è Morfydd Clark, che offre un’interpretazione sensazionale di un personaggio seminale. La sua Galadriel è ben lontana dalla serena e saggia Lady di Lorien che abbiamo incontrato prima: questa Galadriel ha il fuoco nel ventre e una spina dorsale di puro acciaio. Migliaia di anni più giovane e più esuberante di quando la incontriamo Il Signore degli Anelli, è di principio ma intransigente, senza età ma impulsiva, empatica ma isolata. Clark porta il senso dell’eterno che rende gli elfi di Tolkien così irresistibili, insieme a un dolore, irrequietezza e ferma convinzione tutti propri di Galadriel.

anelli di potere

Benvenuto in Valinor, piccola!

Amazon Prime

Che ne dici di quella scena di merda sacra in cui Galadriel soddisfa il desiderio del cuore di ogni elfo e torna a casa a Valinor, solo per saltare fuori bordo subito prima di approdare, quindi nuotare per migliaia di leghe nella Terra di Mezzo? Etereo e cosmico, immerso nella luce celeste e nella pioggia delicata, è una scena bellissima e sbalorditiva a sé stante, ma per Tolkienheads scende di dieci strati. Prima di tutto, far rotolare indietro le nuvole per rivelare un lontano miraggio delle misteriose coste di Valinor, solo per imbottigliare tutto senza un vero sguardo persistente, è stato il trucco più crudele che Payne e McKay potessero fare. Episodio Uno e mi stanno già tormentando! Ma il vero trionfo di questa scena sta nel modo in cui espande il retroscena di Galadriel. Lettori di Il Silmarillion sappi che una Galadriel molto più giovane fu esiliata da Valinor per il suo ruolo in una ribellione elfica contro gli dei; secoli dopo, fu graziata e invitata a tornare, ma rifiutò l’invito. In Anelli di potere, Elrond anticipa cosa accadrà quando esorta Galadriel a salpare, dicendole: “Nessuno nella storia ha rifiutato la chiamata”. Sicuro, Anelli di potere confonde un po’ con la linea temporale, ma questa interpretazione ultra drammatica del rifiuto di Galadriel è bella e scioccante.

Durin e Disa

Sono tempi di boom per Durin IV di Owain Arthur, principe del popolo di Durin e futuro re di Khazad-dûm. La discesa dell’episodio 2 a Khazad-dûm è mozzafiato: per la prima volta in assoluto, i fan di Tolkien intravedono la vita dei nani nella sua epoca di splendore. Quella ripresa introduttiva di Khazad-dûm mi ha fatto mettere in pausa l’episodio per osservare da vicino tutti i dettagli intricati della città. Che ne dici di quel giardino sotterraneo strabiliante dove i nani coltivano i loro raccolti in penetranti raggi di luce solare bianca? Come sempre, i nani portano in tavola la commedia ribaldo, ma in Durin abbiamo un diverso tipo di nano: un leader orgoglioso e testardo che nasconde un centro caldo, appiccicoso e permaloso. E per la prima volta in assoluto, stiamo vedendo nani donne sullo schermo! Creato esclusivamente per Anelli di potere, la moglie di Durin, Disa, è chiaramente una forza della natura. La amo già, anche se Anelli di potere si è tirato indietro per acconciarla con una barba lussureggiante (sì, anche le nane di Tolkien le avevano).

anelli di potere

Due piccioncini a casa a Khazad-dûm.

Amazon Prime

Elrond

Figlio di due eroi e fratello gemello del primo re di Númenor, Elrond ha una pesante eredità di famiglia sulle spalle e un futuro importante davanti a sé come leader chiave della Seconda e della Terza Era. Ma per ora, è solo un araldo del Sommo Re Gil-galad, scrive discorsi di fantasmi e torce le braccia dei suoi amici. Quello che abbiamo visto finora di Elrond è uno spettacolo gradito per come fa presagire ciò che ci aspetta. I Tolkienhead sanno che entro la fine della Seconda Era, Elrond fonderà Gran Burrone, un rifugio da Sauron dove i viaggiatori stanchi di tutte le razze possono trovare rifugio. Ma prima di entrare nel suo futuro di statista leggendario con il dono di creare consenso tra le razze, sembra giusto che l’Elrond di oggi stia negoziando un’alleanza tra elfi e nani. Quando Elrond si rende conto che i suoi modi immortali hanno offeso il suo amico mortale Durin, è quasi come se lo vedessimo archiviare un’importante lezione per il futuro.

anelli di potere

A casa con Elrond.

Amazon Prime

Arondir

L’introduzione di Ismael Cruz Córdova come la prima persona di colore a interpretare uno degli elfi di Tolkien è un momento elettrizzante nella storia del fantasy. Come Cordova racconta Esquire, “Non puoi mai usarlo come scusa: ‘Ma gli elfi non sembrano così.’ Non l’hanno fatto, ma ora lo fanno”. Finora, il suo soldato Silvano è un uomo misterioso, ma amo la grazia e la forza silenziosa di Arrondir. E a soli due episodi, la sua sottotrama è già una delle più commoventi, con tutta la storia d’amore proibita e il grave pericolo. Speriamo che la prossima settimana scopriremo chi ha catturato Arondir in quello spaventoso salto alla fine dell’episodio due (i miei soldi sono sugli orchi – quelle mani sulle sue spalle sembravano terribilmente viscide).

anelli di potere

Le storie d’amore proibite tra elfi e umani funzionano sempre alla grande, vero Arondir?

Amazon Prime

Per la barba di Durin, cos’era?

Lo straniero

Chi diavolo è questo fastidioso sconosciuto superpotente che causa mal di testa al nostro adorabile nuovo duo Harfoot, Nori e Poppy? Concedimi tre teorie:

  • Per i primi cinque secoli della Seconda Era, non si sapeva molto sull’ubicazione di Sauron. Lo Straniero potrebbe essere Sauron travestito da vecchio tremante, con la sua discesa sulla Terra tramite una meteora solo un altro dei suoi tanti inganni? Certamente ci sono molti indizi: il cratere infuocato dello Straniero assomiglia moltissimo all’Occhio di Sauron, e il tono delle sue scene – fauna selvatica appassita, sussurri minacciosi – suggerisce un’aria di malizia. Ma ecco il problema: dato che le principali priorità di Sauron durante la Seconda Era erano la corruzione degli uomini e l’inganno degli elfi, cosa avrebbe voluto da Harfoots? Queste creature geopoliticamente irrilevanti sembrerebbero essere valutate molto al di sotto della sua attenzione. Poi di nuovo, come ci ricorda spesso Tolkien, molte persone hanno perso la testa scommettendo contro i ragazzini.
  • Lo Straniero potrebbe essere Gandalf? Certamente ha l’aspetto giusto, ma non avrebbe molto senso, dato che Gandalf non rotolò nella Terra di Mezzo fino alla Terza Era, quando lui e i suoi compagni maghi arrivarono su una barca per assistere nella lotta contro Sauron. Ma prima che Gandalf e la sua compagnia fossero maghi, erano Maiar (aiutanti primordiali degli dei che assumevano molte forme). Conosciuto dagli dei e dai suoi compagni Maiar come Olórin, il proto-Gandalf aveva una particolare preoccupazione per la Terra di Mezzo e percorse le sue terre per migliaia di anni, mescolandosi in incognito tra gli elfi per vegliare su di loro. Con quella logica, forse Anelli di potere si sta prendendo alcune libertà creative con i primi vagabondaggi di Gandalf. Questo periodo formativo con gli Harfoots spiegherebbe sicuramente molto sull’affinità che in seguito avrebbe sviluppato per gli hobbit. O forse The Stranger è un mago completamente diverso: nei suoi sottili schizzi dei Blue Wizards, Tolkien spesso ribaltava i tempi, ma in un racconto, arrivarono nella Terra di Mezzo durante la Seconda Era per interrompere le attività malvagie di Sauron.
  • Ascoltami la mia teoria più stravagante: e se lo Straniero fosse Glorfindel, il leggendario eroe elfico del passato? Alla fine della Prima Era, Glorfindel morì eroicamente mentre uccideva un Balrog. Durante la Seconda Era, fu reincarnato dagli dei e rimandato nella Terra di Mezzo per aiutare Elrond e Gil-galad nella lotta contro Sauron. Certo, è venuto attraverso il mare nella sua bellissima forma elfica, ma forse Anelli di potere si sta prendendo alcune libertà. E se la sua meteora è finita nel territorio di Harfoot piuttosto che nel cortile di Elrond… beh, è ​​noto che le meteore sono difficili da guidare.
anelli di potere

Questi Harfoots stanno per un brusco risveglio quando incontrano il loro ospite non invitato (chiunque sia).

Amazon Prime

Cosa c’è nella scatola, Durin?

Quando il principe Durin IV e suo padre, re Durin III, hanno un incontro di strategia alla fine dell’episodio due, è chiaro che i nani di Khazad-dûm stanno nascondendo un segreto agli elfi. Il segreto è custodito in una scatola di legno; una volta aperto, non possiamo vedere cosa c’è dentro, ma il suo contenuto proietta un bagliore bianco sui volti dei nani. Il segreto deve essere il mithril, giusto? Canonicamente parlando, sappiamo che i nani scoprirono questo metallo raro e prezioso sotto le Montagne Nebbiose durante la Seconda Era. Il commercio del mithril avrebbe poi legato i nani di Khazad-dûm e gli elfi della vicina Eregion; Celebrimbor, che incontriamo nell’episodio due, realizzerebbe persino uno dei tre anelli del potere elfici dal mithril. Con la Forgiatura degli Anelli destinata a diventare una parte importante dell’architettura della serie, scommetto tutte le mie chips su questa ipotesi del mithril.

Luoghi più belli dei Silmaril

Due uova di Pasqua di cui tifare questa settimana, e sono entrambi sbalorditivi, scorci di alcuni alberi molto importanti. Nel mitico prologo dell’episodio uno narrato da Galadriel, abbiamo dato una sbirciatina a Laurelin e Telperion, gli alberi ultraterreni che hanno portato la luce a Valinor nei tempi antichi, molto prima che gli dei creassero il sole e la luna. Poi, alla fine dell’episodio uno, vediamo Ents che si agita nella foresta mentre la meteora di The Stranger precipita sulla Terra. Dammi Entwives dopo e posso morire felice. Dopotutto, se finalmente avremo nane femmine, perché non Ent femmine?

L’episodio della prossima settimana potrebbe presentarci il Nimloth di Númenor, l’altro Albero Molto Importante che sarà inserito in questa storia? Resta con noi settimana dopo settimana per saperne di più Anelli di potere copertura: il viaggio inaspettato è appena iniziato.

Leave a Comment